Scienziati di Harvard: ci sono tracce di un Antica Terra dentro il nostro Pianeta !!!

Un team di scienziati dell’Università di Harvard ritiene di aver trovato la prova dell’esistenza di una antica Terra, che potrebbe esistere all’interno della Terra stessa.

 

Il team ritiene che, in base ad un rapporto isotopico effettuato in precedenza nelle profondità della Terra, potrebbe essere il segnale delle tracce di materiale risalente tempo prima dell’impatto tra la Terra con un altro corpo di dimensioni planetarie, portando alla creazione della Luna.
Questo può rappresentare gli echi di un’antica Terra, che esisteva prima della collisione avvenuta all’incirca 4,5 miliardi anni fa. Questo lavoro è stato presentato alla conferenza del centro Spaziale di Goldschmidt a Sacramento, California.
La teoria attualmente favorita dalla comunità di scienziati, dice che la Luna si è formata 4,5 miliardi anni fa, quando la Terra si scontrò con un corpo la cui massa era delle dimensioni di Marte, che è stato dato il nome di “Theia”. Secondo questa teoria, il calore generato dalla collisione avrebbe causato lo scioglimento dell’intero pianeta, prima che alcuni dei detriti si erano poi raffreddati e con lo spin-off avrebbero creato successivamente la Luna.
Ora però, un gruppo di scienziati dell’Università di Harvard ritengono di aver identificato i segnali di quella che potrebbe essere solo una parte della Terra sciolta durante la collisione e che una parte antica esiste ancora nel mantello della Terra.
Secondo il Professore Associato Sujoy Mukhopadhyay (Harvard): “L’energia liberata dall’impatto tra la Terra e Theia sarebbe stato enorme, certamente sufficiente a fondere l’intero pianeta. Ma noi crediamo che l’energia di impatto non è stat distribuita uniformemente in tutta l’antica Terra. Ciò significa che una parte importante dell’emisfero colpito probabilmente sarebbe stata completamente vaporizzata, ma l’emisfero opposto sarebbe stato parzialmente schermato, tale per cui non avrebbe subito una completa fusione “.
L’idea che una collisione molto dirompente della Terra con un altro corpo di dimensioni planetarie, il più grande evento nella storia geologica della Terra, non avrebbe completamente sciolto ed omogeneizzato la struttura della Terra e questo va contro alcune delle nostre nozioni. Se la teoria si dimostra corretta, allora possiamo essere certi che possiamo vedere gli echi dell’antica Terra, che esiste da un tempo prima della collisione “.
Un mondo antico esiste all’interno della Terra. Ricercatori della Northwestern University e dell’Università del New Mexico hanno fornito la prima prova in assoluto dell’esistenza di oceani in acque profonde sotto gli Stati Uniti. Il geofisico della Northwestern University Steve Jacobsen e il sismologo dell’ Università di New Mexico Brandon Schmandt, hanno trovato tasche profonde di magma che si trovano a circa 400 miglia al di sotto del Nord America, una firma probabile della presenza di un serbatoio enorme di acqua tre volte le dimensioni degli oceani della Terra.
Anche se non in forma liquida familiare – gli ingredienti per l’acqua sono legati nella roccia che si trova in profondità nel mantello della Terra – la scoperta potrebbe rappresentare il più grande serbatoio di acqua del pianeta. Schmandt ed i risultati di Jacobsen si basano su una scoperta in cui gli scienziati hanno trovato un pezzo di minerale di ringwoodite all’interno di un diamante trovato ad una profondità di 400 miglia da un vulcano in Brasile. Quel piccolo pezzo di ringwoodite – l’unico esempio esistente dall’interno della Terra – conteneva una sorprendente quantità di acqua legata in forma solida nel minerale.
ringwoodite
“La ringwoodite è come una spugna, assorbe l’acqua – ha detto Jacobsen – C’è qualcosa di molto speciale nella struttura cristallina della ringwoodite, che gli permette di attirare l’idrogeno e l’acqua per poi intrappolarla. La presenza di acqua liquida sulla superficie è ciò che rende il nostro “pianeta blu” abitabile, e gli scienziati sono stati a lungo a cercare di capire solo quanta acqua può essere ciclica tra la superficie terrestre e serbatoi interni attraverso la tettonica a zolle. Le nuove scoperte potranno anche aiutare gli scienziati a capire meglio il ciclo dell’acqua della Terra.”
Inoltre, essi hanno trovato prove di un vasto serbatoio di acqua sotto l’Asia orientale, che è almeno il volume del Mar Glaciale Artico. Secondo l’ipotesi della Terra cava, il pianeta Terra è tutto vuoto o altrimenti contiene uno spazio interno notevole.